PUBBLICAZIONI

Il canone
E l'aria ascolterà
Abitare i suoni
Viva la Musica
Cantare la vita
Oh Issa
Gattinando
Atelier di musica
Suoni, simboli e segni
da reinventare

I Quaderni dell'Atelier


 

Ascolta estratto
Scarica audio
Scarica scheda
Gioca

 

Dalla finestra di cielo per Gaia

Gaia ha quattro anni e siamo in vacanza all'isola d'Elba, viviamo in un piccolo appartamento 'essenziale' a casa di un contadino. Un po' più in là delle nostre finestre c'è un canneto alimentato da un corso d'acqua, dove tutte le notti le rane si mettono a cantare.

È un coro estivo che entra dalle nostre finestre insieme alla luce della luna, al profumo di fieno e ai suoni di un altro insieme vocale, quello dei grilli che si cercano forse per continuare a cantare.

Così è nato questo brano e successivamente l'idea di costruire La finestra di cielo per Gaia (nella pagina successiva) in tredici 'quadri' da serializzare cercando un ordine logico e una volta trovato, far diventare questa sequenza la partitura per improvvisare e/o comporre in gruppo un brano informale sul tema della notte e del giorno.

L'opposizione notte/giorno rimanda a un insieme di altre opposizioni:
freddo/caldo silenzioso/rumoroso scuro/chiaro ecc... che si prestano ad attività compositive sia con bambini che con adulti.

Se vi interessa giocare con i tredici quadri, potete fotocopiare le due pagine e poi ritagliarle oppure rifarle con dei cartoncini colorati ( i nostri erano quadrati e avevano il lato di cm. 20).

Vi sono alcuni ordini possibili per mettere in fila i quadri, ma voi dovrete giocare a scoprire il mio e per farlo vi do alcuni suggerimenti:
la luna è crescente
i tredici quadri vanno messi in fila o meglio ancora in cerchio
la luna, il sole e le stelle, da questa finestra, si vedono solo salire.

Dalla finestra di cielo per Gaia
Vedi passare solo notti di stelle
Ed una luna colore del grano
Ed un silenzio interrotto dai grilli
E da un gracidare lontano lontano

Dalla finestra di cielo per Gaia
Vedi passare tavolozze di colori
Che dipingono il miracolo un bambino
Che dipingono il miracolo un mattino
Che sbadigliando si sveglia pian piano

E dalla finestra di cielo per Gaia
Sente le voci di strade e di piazze
E della gente che vive questo giorno
Come affacciata ad una finestra
Alla finestra di cielo per Gaia