DE-SCRITTI

Gene.Razionale

San Remo 2003


 

 

Gene.Razionale: Elrttrocardiogramma del giorno che muore.
Giovanni Lo Russo – basso elettrico e voce.
Roberto Grosso – chitarra elettrica,acustiche,synth e mandolino.
Andrea Carta – chitarra elettrica e acustica.
Matteo Boseglio – batteria.
COLLABORAZIONI: Marino Bardone – tromba in B.S.O.
Paolo Grappeggia – contrabbasso in B.S.O. e Fragile.
Alex Gariazzo – cori in Non è per me.

I brani : B.S.O. /  E se dolce è l’attesa  /  Perdere   / Ombre cinesi  /  Fragile   / Conosco quel che vedi  /  Non è per me.

1 ) Il  CD parte sul gracchiare di un vinile all’ultimo solco,quando con le cuffie in testa ti sei addormentato.E ti risvegli  delicatamente sulle trame che la tromba di  Marino Bardone ricama su un morbido lenzuolo di basso e chitarre………….e non si può che essere felici.A conferma di questo,l’esordio vocale è:”Sono felice” e il perché viene cantato da Andrea Sportelli,davvero una bella voce.Poi il canto si da pace e l’alba esce solare dalle chitarre di Roberto e Andrea.E molto bello questo ponte strumentale che  traghetta il brano dove “non ho più te …………dove bisogna saper osare”.

2 ) E  mi piace anche “E se dolce è l’attesa”.Si passa dall’atmosfera rossastra e arancione dell’alba ,al  chiaro del giorno.E’ limpido,cristallino e perentorio infatti l’arrangiamento di questo pezzo.Arriva bene e subito e così come arriva se ne va ,ti da e non chiede niente……….tranne un eccessivo sacrificio sull’altare. 

3) Suoni lunghi lanciano un rif di due note:Mi b  Re.Due note che sintetizzano e risolvono il movimento organico della strofa,quasi di fegato,intestino,dal di dentro,dal fondo.E in fondo c’è sempre un anima: MI b   RE. 

4) Armonici cavalcano un cielo acustico e sereno, ,su una strada che porta fin qui,dove non ho speranze gravide.E ‘ una strada che finisce dove comincia il cielo…, non lunga ma infinita,dove il vento porta ovunque la polvere che molte volte i pensieri sollevano.I Gene.Razionale ci  porgono con molta gentilezza questo brano. 

5) E si arriva a “Fragile”,E’ qui che comincio ad avvertire l’esigenza di meno introspezione nel testo,di meno ego;anche perché in questo pezzo c’è molto meno vento rispetto al precedente e la polvere che molte volte i pensieri sollevano….,rimane.Il sound generale è comunque sempre garanzia di un buon ascolto. 

6) Sei misure da quattro quarti.La strofa snella,piacevole e leggera va incontro a un pre dove il movimento ritmico si dimezza per quattro misure,per poi tornare pieno e rotondo nell’inciso.Sono sempre loro,si riconoscono,il loro modo emerge nella totalità di questo lavoro.La voce le chitarre,la ritmica di basso e batteria puntuale e precisa, caratterizzano in modo inequivocabile il sound. 

7) La conferma di questo la si ha ascoltando “Non è per me”, settimo e ultimo brano del CD.    Ma……………Sorpresa:dopo “Non è per me”,venticinque secondi di bianco,venticinque secondi in cui ti stai facendo un idea di questo lavoro. E le tue conclusioni trovano conferma dopo venticinque secondi appunto, dal Remix  di “E se dolce è l’attesa”.Nella sua totalità è un CD dove Armonia,Melodia,Ritmica e Lirica danno vita a un Sound  luminoso,cristallino,perentorio,al quale si contrappongono Testi Letterari da aggettivi opposti al Sound. 

Per saperne di più su “GeneRazionale “ www.generazionale.com             gene.razionale@libero.it

Questa per me è una nuova esperienza,stimolata dai compagni miei di viaggio e lavoro. Nasce dal desiderio di raccontare quello che ascolto……e tutto finisce  li. 

Al prossimo Ascolto de-scritto

Giancarlo Pini